Se non vedete l’ora di affondare la forchetta in un bello spaghetto alla carbonara, ma la bilancia vi perseguita eccovi una versione alleggerita della ricetta.

Un’idea light da aggiungere a quell’insieme di classici rivisitati da concedersi di tanto in tanto senza troppi rimorsi. Perché l’abbinamento del maiale, delle uova e della pasta da vita ad un matrimonio di sapori davvero inimitabile, che molti stentano a concedersi per paura di ingurgitare in poco tempo una quantità enorme di calorie. Come si fa a rinunciare ad un primo così delizioso? Semplicemente non fatelo, ma cimentatevi nella preparazione che segue per poter apprezzare le basi di uno dei piatti principe della gastronomia italiana.

Procedete sostituendo il tradizionale guanciale con del bacon sgrassato, la cipolla con il porro, dimezzando la dose d’olio ed eliminando ahimè anche la grattata di pecorino. Il risultato sarà più leggero ma comunque goloso. Il che non vi impedisce di darvi qualche volta alla versione più famosa ed indubbiamente più saporita.

Insomma tenetevi buona la ricetta originale, magari tramandata di generazione in generazione, e soprattutto le sue astuzie, come quella di far saltare la pasta con un po’ d’acqua di cottura e l’aggiunta delle uova già sbattute a fuoco spento, per evitare la formazione di antipatici grumi; che si applicheranno ugualmente anche in questo caso e vi aiuteranno a ridurre le fonti di grasso.

L’idea in più:

E se proprio volete esagerare servitela come piatto unico, adagiando gli spaghetti su un letto di fette di bacon croccante appena saltante in padella.

Pasta alla carbonara light, un gran classico della gastronomia italiana adattato alle tavole moderne

Cuciniamo insieme la pasta alla carbonara light

 

[ultimate-recipe id=”8360″ template=”default”]

Ti potrebbe interessare: il pesto di zucchine e i tortini di patate e mozzarella filante